Viva-io a chi?

Abbiamo pensato a questa scuola come una “nuova via” per tutti quelli che vogliono una nuova Ri-partenza.

Viva-io è un percorso formativo a tempo pieno che vuole sviluppare quelle competenze che valorizzano la crescita personale e la ricerca di una propria strada.

16+ anni

Biennio di formazione da 16 a 18 anni (o 17-19) nel quali si affrontano i tre filoni di laboratori esperienziali.

L’obiettivo è quello di attraversare quante più conoscenze possibili e incontrare professionisti per confrontarsi con la loro storia ed esperienza.

Un percorso formativo e utile per creare una consapevolezza di sé e delle proprie capacità.

19+ anni Diplomati

Dopo il diploma, nella ricerca di un proprio futuro o un percorso universitario, diventa importante cambiare la prospettiva e passare dalla teoria scolastica alla pratica di vita.

Proponiamo un percorso formativo simile nei contenuti a quello per i più giovani ma con un taglio (in particolare nel settore della comunicazione) più “maturo” e in classi dedicate.

3 filoni formativi per 2 anni

Artigianato

L’artigianato è un’abilità che coinvolge cuore-testa-mano e che stiamo progressivamente perdendo. Sviluppare questa competenza è fondamentale per ritrovare un equilibrio con se stessi e con il mondo che ci circonda.

In questo percorso affrontiamo, insieme a specialisti del settore, molte tecniche di lavorazione alcune delle quali davvero uniche.

Grazie alla ricerca costante di figure artigianali è possibile entrare in laboratori particolari ed avere docenti che si sono specializzati per molti anni in tecniche che sembravano perse.

Quello che il nostro percorso si ripropone è di far ritrovare la manualità fine ma anche l’inventiva unita alla conoscenza profonda dei materiali.

AgriCultura

In un mondo dove tutto è incelofanato, soprattutto al supermercato, preferiamo dare importanza al percorso che va dal seme al raccolto.

Tocchiamo la terra, i semi, le foglie, piantiamo boschi e possiamo osservare il lento progredire delle stagioni attraverso diverse tecniche di coltivazione.

Passiamo attraverso l’agricoltura biologica, quella sinergica, la permacultura, l’idroponica e altro ancora compresa la guerrilla gardening. Insieme a coraggiosi “ribelli” affrontiamo temi come il consumo del suolo e l’uso parsimonioso dell’acqua. Tematiche come la riforestazione non resterano astratte teorie su libri che nessuno legge ma sono azioni concrete con le quali andremo a riconquistare spazi di terreno per piantare nuovi alberi.

Comunicazione

Conoscere le tecniche di interazione e comunicazione è la base per fare #relazioneumana.

Ci avventuriamoo sia nella comunicazione on-line (in cui impariamo a fare web marketing con dei professionisti) e in quella off-line per scoprire come comunicare parlando ad un pubblico, come scrivere, quali atteggiamenti tenere nella relazione con gli altri.

Analizziamo i rapporti di gruppo, e quindi anche tematiche come sociologia, e parliamo di come sviluppare una società basata sul senso del mutuo aiuto e comunitario.

Quali Materie per il Biennio

Didattica “nomade”

La vita non si svolge dentro 4 mura. Ecco perché per noi è importante fare esperienze in ambienti molto diversi tra loro. Partendo dall’aula ci spostiamo a fare didattica negli spazi di coworking, nei parchi, nei boschi, nelle botteghe degli artigiani, negli studi di registrazione dei professionisti dei video e delle foto e altro ancora.

Osservare realtà diverse e prospettive diverse è una delle prime cose che è utile apprendere. Noi lo facciamo ogni giorno.

Didattica “utile”

Quello che impariamo ci insegna a fare Esperienza.
Non vogliamo formare dei professionisti (in questa fase) di una singola materia e quindi quello che andiamo a sperimentare serve per aprire la mente. Il primo biennio è progettato per “rompere gli schemi” e ricostruire l’apprendimento in maniera emozionale.

Didattica “sicura”

Oltre a prendere ogni precauzione per la sicurezza degli studenti, abbiamo già immaginato una didattica che tenga conto delle norme per il distanziamento (in presenza) o per la didattica on line (in caso di nuove norme di sicurezza).

Creare una scuola oggi vuol dire poter progettare le giuste precauzioni e la continuità necessaria per sentirsi vicini e produttivi.

Incontri con i professionisti

Ascoltare per imparare.

Sono previsti incontri speciali di confronto con professionisti per parlare della loro vita e della loro storia. Questo confronto ci fa innamorare del loro percorso e dimostra agli studenti che le difficoltà della vita non sono ostacoli ma nuovi punti di partenza.

E’ un tipo di attività molto importante che permette di unire il mondo della formazione a quello lavorativo di tutti i giorni.

Visite ai Musei

Museo… che noia! Sicuro?

Il museo è noioso solo se ti fai trasportare passivamente e lo guardi con gli occhi chiusi e senza una “guida”. Viviamo l’esperienza dei musei come ricerca di interattività e riflessione, uniamo alla visita incontri e dibattiti sul posto  e in aula, tocchiamo con mano e organizziamo laboratori. Il Museo così torna ad essere il contenitore del sapere visivo, uditivo e tattile.

Coworking, nuovo modello di lavoro

Il mondo è cambiato

Lo abbiamo notato tutti. Possiamo capire e far nostro il mondo del lavoro solo se viviamo parte della formazione al suo interno. Alcune giornate formative saranno gestite all’interno di questi luoghi  creando momenti didattici in collaborazione con i gestori dello spazio e le realtà presenti. In collaborazione con Villaggio Saggio abbiamo creato Wise Coworking , sono degli “incubatori di idee” e nei quali progettiamo il futuro.